INTERACT MEETS OZANAM

del 18/11/2020

Categorie: Comunicazioni , Eventi , progetti , Progetti

Interact

18.11.2020

Oggi abbiamo ripreso l’argomento Totò nella Sanità e la vita di Totò, i ragazzi della quarta elementare si sono documentati sull’attore, parlando con i loro genitori, nonni, parenti e hanno saputo dire data di nascita e morte di Totò. Alcuni sono andati a fare la spesa con la mamma e si sono fatti raccontare dei film e degli avvenimenti di Totò. Ciro aveva sentito del film Miseria e Nobiltà, da dove viene la scena in cui Totò mangia affamato gli spaghetti con le mani. Ciro ha fatto un disegno con Totò che ci ha fatto vedere in chat dicendoci che Totò amava Napoli. 
Christian ha visto il film ‘La femmina bugiarda’ con suo padre e sapeva spiegare l’argomento euforia usandone una: ‘L’ignorante parla tanto, l’intelligente parla poco e il fesso parla sempre.’
Anche Francesco ha detto che Totò amava Napoli, amava i cani ed era generoso; sapeva inoltre che Totò regalasse una banconote da 500 Lire a tutte le famiglie bisognose. La maestra Laura pure arricchiva la relazione su Totò con una frase che lega a quest‘ultimo: Nobili si nasce e io onestamente lo nacqui. 
Oggi erano tre ragazzi dell’Interact presenti, Jonathan Della Valle, Lucio Andrea Senesi Sonnentag e Anna Chiara del Gatto. Il secondo argomento del meeting riguardava i mezzi di comunicazione, in particolare uso durante la quarantena legata al Coronavirus: Skype, Google Meet, whatsapp, Instagram, Facebook, Messenger. I ragazzi dell’Interact illustravano il funzionamento e la creazione di Internet attraverso i satelliti e una rete mondiale che ci lega, internet.
La sorpresa dell’incontro era il fatto che la nostra amica Anna Chiara abita a Gerusalemme ed era collegata attraverso la rete con noi come se ci fosse vicina. I ragazzi della classe ne sono rimasti sorpresi e come compito per la prossima settimana faranno una ricerca sull’Israele per poter svolgersi con delle domande su questo paese lontano ad Anna Chiara. Inoltre abbiamo parlato dei viaggi dei ragazzi all’estero. Chi aveva già fatto un viaggio, ne descriverà l’esperienza in un paio di righi come ricordo, altri rifletteranno su un paese che vorrebbero visitare un giorno.

Galleria Immagini (1)